Esports: i 5 giochi più “pagati” del 2018

  • Esports: i 5 giochi più “pagati” del 2018

Gli esports stanno prendendo piede anche in Italia e spesso, sempre di più, i giocatori professionisti stanno cercando di prendere spunto dai giochi che, a livello mondiale, sono i più acclamati, popolari e più “pagati” o più ricchi. Tutti i giocatori sono alla ricerca, dunque, dei giochi che meglio hanno il consenso di sponsor e quindi di denaro messo in palio con i montepremi.

Ma quali sono i giochi che, in questo 2018, sono stati i più gettonati non soltanto dai giocatori ma anche e soprattutto dagli sponsor? Vediamoli insieme.

PlayerUnknown’s Battlegrounds

PlayerUnknown’s Battlegrounds detto anche PUBG è uno dei 5 giochi più giocati e pagati. Con il suo migliaio di giocatori ed i circa 70 tornei mondiali si candida sicuramente tra gli esport più seguiti e pagati dell’anno in corso. Nel 2018, per i tornei legati a PlayerUnknown’s Battlegrounds sono stati elargiti oltre 5 milioni di dollari mentre lo sviluppatore, Bluhole, ha recentemente dichiarato di aver ricavato oltre 100 milioni di dollari dalle microtransazioni presenti all’interno del gioco.

League of Legends

Detto anche semplicemente LOL è uno dei giochi più giocati. Con i suoi 70 milioni di giocatori quest’anno ha ricevuto una pioggia in denaro di ben 6,8 milioni di dollari. I tornei dedicati sono oltre 100 all’anno ed i 6,8 milioni di dollari sono andati nelle tasche di oltre 1300 giocatori. Gli sviluppatori di Riot Games organizzano eventi del calibro della League Championship Series (LCS) e la finale dell’anno scorso, in oriente, ha fatto connettere contemporaneamente oltre 60 milioni di persone per assistere in diretta streaming alle fasi finali – appunto – dei tornei che normalmente coinvolgono Corea, Cina e Taiwan.

Fortnite

Il gioco non ha bisogno di presentazioni ma è giusto – anche per questo free to play – dare qualche numero: oltre 9 milioni di dollari pagati con una competizione che ad oggi è altissima visto che i giocatori professionisti sono appena 755.

Counter-Strike: Global Offensive

Per CS:GO i dollaroni sborsati superano abbondantemente i 15 milioni ed il titolo, quarto capitolo della serie, resta saldamente al secondo posto di questa interessante classifica.

DOTA 2

Ancora una volta Valve è padrona indiscussa della scena degli esports nel mondo. Sono ben 38 milioni di dollari i montepremi elargiti nel 2018 e sono solamente 709 i giocatori professionisti.

Come avete potuto leggere, dunque, essere un giocatore professionista ha i suoi vantaggi (vedi i dollaroni investiti ogni anno dagli sponsor) ma sicuramente non è facile arrivare a livelli tali che permettano di guadagnare. Ci sono, poi, altri giochi minori che sono molto giocati e sui quali, negli ultimi tempi, i riflettori delle gaming house e degli sponsor stanno mettendo gli occhi.

Se il tuo sogno è diventare un giocatore professionista, scrivici e saremo lieti di metterti in contatto con la nostra Academy che ti insegnerà a giocare ad alti livelli e che ti farà conoscere altri giocatori in erba come te. Per qualsiasi informazione al riguardo segui la nostra pagina Facebook ed i gruppi legati ad essa per essere sempre aggiornato su ogni gioco che può interessarti o nel quale ti senti forte.

Leave a Comment

Login
Loading...
Sign Up
Loading...